La rabbia è come la schiuma nel vino o nella birra, dopo che la togli senti il buono che c'è sotto

Una fotogtafia, una statuetta , una piccola mangrovia. Da ognuna di esse è uscita una storia

L’Equinozio d’Autunno ha molte valenze simboliche ed è chiamato in molti modi: tempo del seme, festa del secondo raccolto, Mabon, Michaelmas (festa dell’arcangelo Michele). Comunque lo si chiami e in qualunque modo lo si festeggi, la prima cosa da fare è RINGRAZIARE. E ringraziare è di per se’ un rito magico, si capisce quante cose belle abbiamo, quante persone meravigliose ci ci stanno vicino. Un tempo, in Romagna ai bambini si diceva: “Impara le paroline magiche: grazie e per favore”.

Dal 21 al 25 agosto si è partecipato al Festival La luna e i calanchi ad Aliano (Matera) organizzato dalla Casa della paesologia. La paesologia unisce l’attenzione al dettaglio con la spinta verso il sacro, mettere al centro la poesia cambia molte cose, significa mettere al centro della vita la morte, la morte non è una faccenda di un giorno solo, è la faccenda di ogni giorno, la morte muove l’anima, la poesia e la morte portano inevitabilmente a dio. non quello che ci hanno raccontato...

Da Civago per il 605 al Rifugio Segheria. Un salto al Battisti, al Passo delle Forbici e al Giovarello, qualche racconto, mollte risate e una indimenticabile partita a briscola. Sentirsi a casa

Una volta, un giorno, andai ad abitare in campagna C’erano dei campi vicino a casa e poco lontano, un bosco. Non giravo tanto quei luoghi, mi spostavo lontano Mi piaceva cercare luoghi più impervi, boschi più grandi, magari verso i crinali Pian piano imparai a conoscere molti dei sentieri della zona e a sentirmi più abitante di quel luogo. Ad esempio mi piaceva partire da casa, camminare su di una carraia che porta ad una stalla , poi in un piccolo borgo antico ....

Il messaggio del Castagno Aprirsi alla luce interiore e osservare l'apparenza con pacatezza. Con lo Spirito del Castagno e la sua protezione possiamo scendere nella profondità, negli angoli bui della nostra esistenza, nel luogo dove regna l'istinto e il caos. Aiuta ad avvicinarsi all'oscuro e al mistero, a rompere confini e tabù. Così possiamo riprenderci i nostri poteri, espandere la consapevolezza e estendere la nostra percezione al mondo invisibile..

“Presto o tardi noi tutti scopriamo che i momenti importanti nella vita non sono quelli annunciati, non i compleanni, le lauree, i matrimoni, non i grandi obiettivi raggiunti. Le vere pietre miliari sono meno pretenziose. Arrivano alla porta della memoria senza essere annunciate, cani randagi che entrano, annusano un po’ in giro e semplicemente non se ne vanno più. La nostra vita è misurata da questi monenti.” - Susan Brownell Anthony

Nelle azzurre sere d’estate, me ne andrò per i sentieri, graffiato dagli steli, sfiorando l’erba nuova: trasognato, ne sentirò la frescura sotto i piedi, e lascerò che il vento mi bagni la testa nuda. Non parlerò, non penserò a niente: Ma l’amore infinito mi salirà nell'anima. E andrò lontano, molto lontano, come uno zingaro (Arthur Rimbaud) ---------------------- Giandeto, Bosco magico, Croveglia. Il ciliegio della verità, la storia di Rosalba e Federico al laghetto. Cenetta alla Gianda

Non lasciare tracce che il vento non possa cancellare, non adagiarti sui passi compiuti, non lasciarti trattenere, divaga per altri sentieri, rimettiti in cammino per cercare ancora. (Bruce Chatwin) “Prima di amare, impara a camminare sulla neve senza lasciare impronte.” È un proverbio turco. Come è chiara questa immagine, e come si capisce facilmente! (Marlene Dietrich)

Mostra altro